aams aams mobile

Il baccarà in Italia: origini e altro sul baccarat italiano

baccarat su titanbetIl baccarà è probabilmente uno dei giochi da casinò con la storia più romantica ed interessante e questo secondo tantissimi esperti giocatori d'azzardo.

 

Nato in Italia, a quanto pare, circa 700- 800 anni or sono, era il passatempo dei nobili e della gente ricca, del tempo che avevano trovato un passatempo divertente e semplice da apprendere anche per coloro che nell'antichità possedevano il denaro, ma non la cultura necessaria per imparare qualcosa di troppo complicato: il baccarat ha dimostrato possedere le perfette caratteristiche. Oggi questo gioco non è più riservato all'elite e tutti giochiamo possiamo giocare a baccarat  e lo facciamo per il semplice motivo che ci piace tantissimo: ricchi, poveri, nei casino’ tradizionali, online, in famiglia, ai bar, con puntate più alte o meno, non c’ è persona che non sia interessata a questo elegante, ma oggi accessibile gioco di carte dei vecchi tempi. Accessibile perchè oggi, la sua presenza nei casino online legali italiani, permette davvero a tutti di praticarlo, grazie a puntate base davvero minime che ben si adattano alle tasche di tutti.

Alle origini, nell’ Italia del Medio Evo, si chiamava baccarà e sembra che sia stato inventato da un usuraio che aveva bisogno di soldi oppure da un tale chiamato Felix Falguiere; baccarà vuol dire 0, probabilmente per l’ eliminazione delle decine dal calcolo del punteggio. In ogni caso quello che un giocatore deve fare a baccarà per vincere è accumulare, servendosi di 2 o massimo 3 carte, un punteggio il più vicino a 9, rispettando il valore delle carte: le figure ed i dieci valgono zero punti, gli assi 1 punto e le altre carte garantiscono un punteggio pari al valore su di esse impresso. In genere si gioca con 6- 8 mazzi francesi, composti da 52 carte ciascuno ed i giocatori ammessi al tavolo possono variare da un minimo di 2 ad un massimo di 14 (fanno eccezione le partite di MiniBaccarat, praticate sugli stessi tavoli usati per il BlackJack, che possono accogliere al mssimo 7 giocatori), attorno ad un tavolo rettangolare da baccarà, molto simile a quello usato per il  Craps.

 

Il baccarà è molto amato in Italia e viene giocato nei casinò terrestri, in famiglia, nei casinò online, nei bar e dovunque dove brucia la fiamma della passione per questo meraviglioso gioco. Gli italiani, lo considerano loro, anche se oggi, più che mai, è evidente la sua internazionalità, e ci giocano con immenso piacere persone di tutto il mondo. Gli italiani sono fieri delle presunte origini locali del baccarà e se ne vantano! La variante più amata dai giocatori dello stivale e senz'ombra di dubbio il Punto e Banco, una delle poche specialità in cui le sorti del gioco sono completamente in mano alla fortuna ed il giocatore non può intervenire con le proprie abilità per modificarne in alcun modo l'esito.

Il baccarat è un gioco molto facile da imparare e da capire; poi dipende da voi se volete studiare varie strategie, vari modelli, le sue probabilità, ecc, ecc per trarre beneficio quando vi appresterete a giocare ad una delle sue varianti tecniche o se preferirete, come molti nostri connazionali, affidarvi al Punto e Banco nel quale una volta apprese le regole null'altro servirà. Il giocatore al tavolo di baccarà ha tre possibili opzioni di puntata: sul banco, sul giocatore e anche sul pareggio. Le vincite del banco oppure del giocatore vengono pagate 1 a 1, mentre quella del pareggio 8 a 1, ma si dovranno anche considerare le commissioni del casino: 5% per la puntata vinta sul giocatore e il 14% per la mano vinta con una scommessa sul pareggio.

 

In Italia sembra essere molto diffusa la variazione del baccarà chiamata lo Chemin de Fer o ferrovia, sviluppata in Francia, probabilmente per il fatto che è la più vicina alla variante originale del gioco, infatti dall’ Italia il baccarà è immediatamente arrivato nella Francia del quindicesimo secolo, grazie ai soldati dell'esercito francese di quei tempi. Gli italiani sono soliti giocare al baccarat o meglio, allo Chemin de Fer, nella vita quotidiana, utilizzandolo come passatempo nelle serate tra amici, durante le quali ciascuno assumerà il ruolo del mazziere a turno. Nei casinò online internazionali allo Chemin de Fer sono stati aggiunti il Punto Banco, il Mini Baccarà e diverse altre variazioni, con una storia più o meno recente.

Il baccarà non potrà mai essere giocato all’ italiana’, perché lo è già da 700 anni; se oggi è famoso tutto il pianeta, ne siamo contentissimi, ma la sua casa rimarrà la nostra penisola, per sempre. Il baccarat appartiene a questo paese e siamo fieri che sia uno dei giochi più praticati in tantissimi casinò di tutto il mondo!

 

Un altro momento storico del baccarà in Italia, arriva con la legalizzazione dei casino online nel 2011, che ha permesso ai giocatori del nostro paese, che per provare il brivido dell'azzardo con il Baccarat, erano costretti a percorrere spesso lunghissime distanze, anche a causa del posizionamento dei casino terrestri esclusivamente nel nord Italia, di potersi divertire in modo sicuro e legale direttamente da casa propria, godendo di tantissimi vantaggi: puntate minime più accessibili, bonus gratis per giocare a Baccarat online e tanto tempo legato agli spostamenti risparmiato.